Loading...

Pelle: quali sono i segni che indicano pericolo?

Molte malattie della pelle hanno come sintomi degli sfoghi cutanei, quali comparsa di acne improvvisa e cambiamenti di pigmento cutaneo.

Quindi bisogna essere attenti e notare i cambiamenti che compaiono sulla superficie del nostro corpo.

Inoltre non bisogna mai minimizzare il problema, in quanto dei semplici brufoli potrebbero nascondere delle insidie di maggior portata.

Quali sono i segni più gravi?

Con l’adolescenza si comincia a far esperienza su quelle che sono le principali problematiche della pelle.

Verso i 15 anni cominciano a notarsi i primi brufoli e i primi sfoghi cutanei, concentrati soprattutto sulla zona del viso.

Sono altri, però, i segni che dovrebbero farci preoccupare. Vediamoli insieme.

1. Lesioni alle gambe

Accade a volte che si vengano a formare delle macchie di colore opaco sulla zona delle caviglie.

Non bisogna trascurare questo segnale mandato dal nostro corpo che potrebbe indicare un pericolo di diabete.

Inizialmente sono difficili da notare, ma con il passare del tempo tenderanno a diventare sempre più scure e definite fino ad assumere un colore giallastro.

2. Acne a forma di farfalla

Sappiamo tutti che l’acne è un problema poco grave che se ne va col tempo.

Il discorso è diverso se si viene a creare un concentrato di brufoli sulla zona del naso e della fronte, creando delle specie di ali di farfalla.

Questo potrebbe essere causato dal lupus, una malattia infiammatoria cronica che colpisce pelle e articolazioni.

Inizialmente potrebbe apparire come dei semplici punti neri, ma se vedete che la situazione peggiora dovete immediatamente interpellare un medico, che saprà sicuramente darvi una diagnosi appropriata al vostro caso.

3. Brufoli viola sul polso

Inizialmente potrebbe apparire come una semplice irritazione cutanea causata dal contatto con qualcosa a cui siete allergici, o più semplicemente una puntura di insetto.

Se, però, notate che questi brufoli cominciano a crescere di dimensioni acquisendo un colore tandente al blu violaceo, questo potrebbe essere causato dall’epatite di tipo C.

I polsi non sono l’unica zona interessata, in quanto possono comparire anche in altre parti del corpo, quali: schienacollogenitali e bocca.

Le malattie che causano uno sfogo cutaneo sono tantissime e sarebbe impossibile descriverle tutte, quindi il nostro consiglio è unicamente quello di non prendere questi segnali sottogamba e di rivolgersi immediatamente ad un dottore.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons