Loading...

Perché ci svegliamo la notte?

Mens sana in corpore sano: una frase che interpreta al meglio il nostro stato di benessere. 

Questo ciclo parte prima di tutto dal sonno, che provoca rilassamento al nostro corpo nonostante si stiano eseguendo molti lavori per il nostro benefit

L’inadeguata completezza del ciclo di sonno, che dovrebbe raggiungere una durata minima di ben 8 ore, compromette la nostra salute e le cause dovute a questo fattore sono molteplici. 

Le elenchiamo di seguito. 

Uso di apparecchi elettronici: positivo o no?

È sconsigliato l’uso di apparecchi elettronici come cellulari, computer o tablet in quanto la luce emessa da questi dispositivi fanno sovraeccitare le cellule del nostro cervello e ritarderanno il nostro stato di relax che serve al corpo per andare a dormire. 

Infatti la melanina cesserà di prodursi e gli occhi saranno sottoposti ad una sorta di stress

È consigliabile smettere di usare dispositivi elettronici almeno un paio d’ore prima di andare a dormire. 

L’ora della cena

Avere una routine di pasti è una cosa comune, ma bisogna stare attenti agli orari che si scelgono. 

Mangiare la sera tardi, soprattutto se è una consuetudine, può provocare problemi di insonnia e si rischia di svegliarsi più volte durante la notte. 

Idratazione e sonno

Come tutti sappiamo l’acqua è alla base della vita e idratarsi spesso permette di ridurre il rischio di contrarre malattie alle vie urinarie e diminuisce anche il rischio di soffrire di ipertensione. 

Prima di andare a dormire, però, è sconsigliato bere troppo in quanto il bisogno di urinare ci porterà a svegliare e a non concludere al meglio le 8 ore di sonno consigliate per il riposo. 

Stessa cosa vale per le bevande alcoliche: contrariamente a quanto si possa pensare, dopo un illusorio stato di relax, l’alcol comincerà a scomparire aumentando la percentuale di insonnia

Come per i dispositivi elettronici, è consigliabile smettere di bere qualche ora prima di andare a dormire. 

Prendere un caffè o qualunque altra bevanda avente caffeina al suo interno potrebbe provocare risvegli notturni a causa dell’azione complessa di eliminare questa sostanza dal nostro corpo. 

La caffeina entra nel nostro circolo sanguigno dopo un’ora dalla sua assunzione e impiega dalle 4 alle 6 ore per essere consumata. 

Infatti è proprio per questo che le ore consigliate per smettere di introdurre nel corpo questa sostanza sono almeno 10

La nicotina come la caffeina

Anche per le sigarette il discorso è lo stesso: queste hanno un effetto negativo sul sonno, in quanto la nicotina sollecita le cellule del cervello e le fa eccitare

Una causa in più per gli uomini

Negli uomini è facile incappare in problematiche che intaccano la prostata

Infatti la maggior parte dei risvegli notturni maschili sono dovuti al fatto che non si riesce a trattenere per lungo tempo l’urina e, a causa di questo problema alla vescica, gli uomini sono più soggetti a svegliarsi la notte. 

La problematica delle apnee notturne

L’apnea notturna colpisce nel sonno e provoca fatica a respirare e russamento, soprattutto, a causa dei muscoli che si trovano nella parte posteriore della gola che si gonfiano andando a compromettere il normale ciclo di respirazione.

Le persone più soggette a questo tipo di porblema sono: chi soffre di obesità o chi ha avuto casi in famiglia di apnee notturne e quindi sono predisposti geneticamente

Oltre ai molti risvegli, bisogna anche tenere sotto controllo il ciclo di apnee. 

Il cuore del nostro sonno: il letto

Il letto è il luogo ideale per rilassarci senza dover pensare ad altro. 

Ma dobbiamo apportare dei piccoli accorgimenti alla nostra stanza da letto per rendere il nostro sonno migliore. 

Come detto già in precedenza, dobbiamo ridurre l’uso di oggetti elettronici e reputare la camera come il nostro ambiente ideale solamente per dormire.

Se si ha bisogno di allentare la tensione prima di andare a letto, è preferibile cambiare stanza e solo dopo tornare in camera. 

Anche per questo si consiglia l’uso di luci dolci e velate e non forti e accese. 

Inoltre una temperatura eccessivamente alta potrà provocare insonnia: si consiglia di tenere la temperatura tra i 18°C e i 20°C

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons